Ritorno a Magonia

L'arte del ricamo è molto di più che una semplice  attività  femminile, è una sorta di scrittura: l'ago è una penna che utilizza fili colorati come inchiostro e i ricami che appaiono sulla tela sono frasi da leggere, storie di donne che vogliono raccontare e raccontarsi.

"Ritorno a Magonia" è un progetto artistico le cui fonti risalgono ad un' epoca storica segnata dal gusto per la scoperta; la sete di avventura e conoscenza fu la molla che spinse l' arciduca Luigi Salvatore d' Austria a visitare le Eolie alla fine dell' Ottocento e a ritrarle con più di duecento incisioni nell' opera "Le isole Lipari".  Magonia è un'isola leggendaria che fluttua nel cielo abitata da una civiltà  che vive in armonia con la tecnologia e la natura.

Nel progetto ho ricamato alcuni dei disegni dell' Arciduca popolandoli di macchine volanti fantastiche ispirate ai racconti di Jules Verne e agli studi sul volo di fine ottocento. Le magiche macchine volanti invitano l'osservatore ad abbandonare il suolo per intraprendere un mirabolante viaggio tra le nuvole, nei regni dell' onirico e del fantastico. In "Ritorno a Magonia"un importante ruolo  viene giocato dal telaio e dall' arcolaio che qui non sono solo antichi utensili legati al mondo della tessitura e del ricamo ma veri e propri strumenti rituali. La forma circolare del telaio racchiude uno spazio sacro all'interno del quale i fili lavorati

dall' arcolaio scrivono un nuovo racconto. 

  

 

Installazione 110x140x60; carta; disegno a china; ricamo a mano con filo di seta; telai; arcolaio; 2017
Installazione 110x140x60; carta; disegno a china; ricamo a mano con filo di seta; telai; arcolaio; 2017